Corea del Nord: la sorella di Kim Jong-un avverte gli Usa di non ‘causare puzza’

L’influente sorella del leader nordcoreano Kim Jong-un ha avvertito gli Stati Uniti di non “fare schifo”, mentre il presidente Joe Biden si prepara a definire la sua politica coreana.

Nelle osservazioni sui media statali, Kim Yo-jong ha criticato gli Stati Uniti e la Corea del Sud per aver condotto esercitazioni militari congiunte.

I suoi commenti arrivano un giorno prima dell’arrivo a Seoul di alti funzionari statunitensi.

Il governo degli Stati Uniti ha detto che sta cercando da settimane di stabilire contatti diplomatici con la Corea del Nord.

Pyongyang deve ancora riconoscere che il presidente Biden è ora in carica.

I due paesi rimangono ai ferri corti sui programmi nucleari e balistici del Nord.

Kim Yo-jong: apparente erede della Corea del Nord?
La Corea del Nord “non risponde” agli sforzi di contatto degli Stati Uniti
Kim Yo-jong è stato citato nel quotidiano ufficiale Rodong Sinmun dicendo: “Un consiglio alla nuova amministrazione degli Stati Uniti che sta lottando per diffondere l’odore della polvere da sparo sulla nostra terra dall’altra parte dell’oceano.

“Se vuole dormire in pace per [i] prossimi quattro anni, farebbe meglio ad astenersi dal provocare una puzza al primo passo”.

Ha ribadito l’opposizione del suo Paese alle esercitazioni militari congiunte – che la Corea del Nord descrive come preparativi per l’invasione – dicendo: “Il governo sudcoreano ha scelto ancora una volta la ‘Marcia della Guerra’, la ‘Marcia della Crisi'”.

Kim Yo-jong è la sorella minore di Kim Jong-un e l’unico dei suoi fratelli considerato un alleato stretto e potente.

Box di analisi di Laura Bicker, corrispondente da Seoul
Molti di noi a Seoul se lo aspettavano. La Corea del Nord di solito reagisce quando la Corea del Sud e gli Stati Uniti svolgono esercitazioni militari congiunte. A volte è sotto forma di un test missilistico. In altre occasioni, come questa, risponde ai cosiddetti “giochi di guerra” con una serie di parole rabbiose.

Kim Yo-jong è stato il cane d’attacco preferito di suo fratello per un po ‘e questa affermazione non fa eccezione. Nelle sue osservazioni punta a due obiettivi: le esercitazioni congiunte e la visita a Seoul del segretario di stato americano e del capo della difesa.

Almeno fa sapere a Washington e Seoul che Pyongyang sta guardando e ascoltando, nonostante non abbia risposto ai recenti tentativi di back-channel della Casa Bianca.

Kim Yo-jong non ha spiegato esattamente cosa farebbe la Corea del Nord se non le piacesse quello che ha sentito durante questi incontri. Ma lei sta dicendo: sei stato avvertito.

linea
Le ambizioni nucleari della Corea del Nord dovrebbero essere in cima all’agenda durante le visite di questa settimana in Corea del Sud e in Giappone del Segretario di Stato americano Anthony Blinken e del Segretario alla Difesa Lloyd Austin.

Biden ha già annunciato una revisione della politica sulla Corea del Nord, che dovrebbe essere svelata il mese prossimo.

La Corea del Nord lancia il guanto di sfida per Biden
I sudcoreani ridotti in schiavitù nelle miniere del nord
Come Trump ha offerto a Kim un passaggio sull’Air Force One
Durante la campagna elettorale ha definito Kim “un delinquente” e ha detto che il disarmo nucleare nordcoreano doveva avvenire prima che le sanzioni economiche degli Stati Uniti e delle Nazioni Unite potessero essere allentate.

Le relazioni tra Stati Uniti e Corea del Nord sono precipitate nel 2017, quando il Nord ha testato missili a lungo raggio in grado di colpire le città americane.

Le tensioni si sono allentate quando il presidente Donald Trump ha cercato di sviluppare un rapporto personale con Kim.

Ma gli incontri tanto strombazzati – compresi i vertici a Singapore e in Vietnam – non sono riusciti a superare l’impasse sul disarmo nucleare e sulle sanzioni.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *